Home » Contribuzione Studentesca » Contribuzione Studentesca

Contribuzione Studentesca

Dopo aver dirottato l’extragettito fiscale dell’anno accademico 2015/2016 sull’esenzione dal pagamento della seconda rata per una cospicua fascia di studenti, vorremmo inserire una scelta sui 5 euro in più di contributo d’ateneo programmato, ad oggi indirizzati solamente al CUS e che invece potrebbero essere diversificati, secondo preferenza, in altri ambiti, per sostenere progetti, associazioni o servizi dell’università.

Proponiamo anche una rimodulazione delle fasce di tassazione, con la creazione di una no-tax area fino a 13,000 euro di ISEE, e una conseguente riduzione della tassazione per chi ha un ISEE al di sopra di questa cifra, in ottemperanza con la Legge di Stabilità 2016/2017.
I contributi specifici per i corsi in inglese sono un altro punto su cui intendiamo impegnarci: dopo aver ottenuto un’esenzione per il 10% dei frequentanti dal pagamento di questi contributi, che vanno da 1000 a 5000 euro, la necessità è quella di fasciarli per reddito, o abolirli del tutto, seguendo gli esempi virtuosi provenienti da università come Bologna e Padova.

Check Also

Diritto allo Studio

Dopo essere riusciti a risollevare le soglie ISEE per le rette nell’Ateneo e per le …